Select the portion of text to clarify
Step 1 - N° 4

You’re not here by chance…

https://www.accademiadicoscienzadimensionale.net/wp-content/uploads/2013/12/non-sei-qui-per-caso.jpg

Page 1 of 3

I have always been asked: 

"Why do people not understand that God exists? Why do people not believe in the soul and the ability to live a life after death? Why do people believe that everything they see is real without questioning it? Why do most of them not believe in or understand these things?”

The answer may seem obvious, but we are not all the same. Not everyone is ready to know and accept the truth. I do not mean to categorize people by labeling them, but I would like to make the distinction clear between those who continue to evolve and seek truth from life to life, and those who are not interested in knowing or understanding it at all. Some people are ready and eager to learn certain information, while others are not. We can categorize people into three types of thinking:

1 - There are those who do not believe in anything, and as such, do not want to believe in anything that can be defined as "paranormal" or "spiritual". They are extremely convinced, in their skepticism and their ideals, of possessing the only absolute truth. They demand that everyone else in the world think as they do, and if someone thinks differently, they immediately identify them as "crazy", treating them as if they were "stupid", without giving them the slightest opportunity to listen and converse. Paradoxically, some of these skeptics are religious believers who believe in the Priest but not in the true God. They convince themselves that in order to communicate with God, it is necessary to pass through the voice of the Priest. They forget the true objective and neglect the understanding of the true God. Many others are completely skeptical, not for any real ideal but out of sheer laziness. They believe that seeking answers is too tiring, so it is better to convince themselves - and at this point convince others - that nothing exists beyond what is already known. Regardless of whether this type of person is right or knows perfectly well that they are wrong in the vast fields, they will continue to impose their thinking even at the cost of suffocating that of others. This is because they are convinced that nothing exists, or that it only exists if it is first confirmed by them personally.

2 - Next, we have those who claim not to believe in anything, either out of fear or because they have not had significant experiences that could change their minds. However, they have no interest in imposing their beliefs on others and they do not get angry with those who speak about spiritual topics, which is why we can define them as "harmless agnostics". Even though they have a closed mind, they accept the diversity and open-mindedness of others and they do not have the desire to impose their beliefs on others in a morbid way. We can also include in this category those who listen to the thoughts and experiences of others. They might believe in the reality of such experiences but are not interested in delving deeper into the subject, although they accept and respect it.

Page 2 of 3

3 - Afterward, we notice people who demonstrate a thirst for knowledge that they are willing to satisfy at any cost. Not all of them realize it immediately. Some have been deeply interested in spiritual topics since childhood, while others only realize their curiosity about a particular topic as they grow older. However, they all share certain characteristics: they do not care about what others say because they follow their curiosity, which is sometimes a real thirst that can only be quenched by obtaining the answers they seek. It doesn't matter if someone goes against them and tries to change their mind: this type of person wants to get answers and will search for them until they have found them. Some of these individuals are already aware of how vast the spiritual world is and decide to open their minds to as much information as possible about various topics. Others may be more closed in their research, focusing only on a particular topic or a small circle because it is the only area in which they have first-hand experience. However, over time, they may discover that there is more to explore beyond their initial topic of interest, and become more open to exploring other spiritual fields. In a sense, it is like a person who has spent their life searching for God, but during the search, they discover that there is more, such as the possibility of reincarnation and living a life after death, which is quite different from what religion has taught us.

After describing these three types of individuals, which are obviously much broader and more complicated than what's been briefly simplified and abbreviated to avoid digressions, we can decide to categorize them into two simpler terms: those who are spiritual and those who are not.The first two types of individuals described are what I define as Gaia's Low. They are people who are not interested in discovering the truth with concrete facts and want to live their routine without any novelty. They have closed their minds to what can be seen only with physical eyes, making their perspective extremely limited. They are determined to continue on that path and are not what can be defined as "spiritual people." The third description, however, identifies what a spiritual person is. They are those who - without even openly deciding to - have begun to seek answers to their numerous questions. They find themselves increasingly following their instincts that lead them to pursue a spiritual path. Contrary to what one might think, not all of them are born with clear ideas, with the sixth sense firing at full speed, and with an interest in everything that is "hidden." Many of them are born and grow up just like ordinary people, but with an internal feeling of wanting to discover something that they don't even know rationally. Yet they perceive deep down that they must seek answers to questions that perhaps they don't even know they have immediately. Not all of them feel an immediate need to study spiritual topics and know everything about them. Instead, they start with one or a few topics that interest them, which can open up and lead to the discovery of new knowledge even outside their area of interest. When one starts to know the spiritual world, or rather the real world, they realize that a small knowledge is no longer enough to quench their thirst. They feel a strong urge to seek something, to know and learn more. We could say that they are hungry for knowledge, so much so that they are not satisfied with the first and only bite, as is the case with many others, despite the routine and daily time thieves.

There is a significant divergence between those who could be defined as "spiritual" and those who are not. The former are people driven by the desire to discover and evolve. In reality, they are often more evolved in many aspects than the average person, even without realizing it. This is why spiritual individuals feel the need to continue discovering and follow their instincts, rather than conforming to societal expectations and the status quo of "what everyone else is doing". They do not seek answers to follow the masses; rather, they seek answers because of their inherent desire for knowledge. In contrast, those who are not spiritual may not feel this strong need for knowledge.

Page 3 of 3

Sometimes, they may show curiosity for short periods of time. However, for them, gaining knowledge is not necessary as it is just a pastime that they will soon abandon and forget. The actual reason is that they are not ready to understand and accept that the reality they have always known to be true hides many more falsehoods and strangeness than they imagine. Thus, they feel repelled by the idea of higher knowledge. They do not want to discover the truth and willingly accept being lulled by lies.

If you are reading this, it is because you are ready to know. It is not by chance that you have arrived here. Something inside you was screaming, pushing you to search, telling you: "It's there, it's there!" But you were not ready to listen. You may have been too afraid or too immersed in routine to hear its instinct. Then, suddenly, you found yourself here. No one forced you to read these words, except your own instinct. I may be an ordinary person, but something is urging you to read and continue to nourish yourself with my words, because you know they are not just words. They are personal experiences that tell a story about a world in which we are all together. I will not claim to offer you Absolute Truth. Instead, I urge you to test this knowledge for yourself. Read, experiment, and verify what follows with your own hands, to confirm for yourself that it is true. There are two types of people in the world: those who are not ready and those who are beginning to awaken today, to the taste they have been looking for a long time. While reading this document, you may have felt something. It could have been a small, positive chill that crossed your body, or it could have been a much stronger and more complex sensation that you can't describe, except to say that "you have never experienced it before". This happens to those I define as "spiritual". You are ready to start. Don't doubt it. Non-spiritual people cannot understand what a spiritual person is able to grasp. It is not a matter of intelligence, but of evolution. Spiritual people have been so for a long time, even before they were born. They have a broader consciousness within them. They don't know why, but they know that everything exists and is real, regardless of how much it is denied by others. Some spiritual people have a greater understanding of this existence than others, but this is not important. Over time and with experience, all of them will refine their knowledge.

There is an important difference between being "spiritual" and being "non-spiritual". You are a spiritual being, much more powerful than you think, and you want to awaken as soon as possible. However, to do this, you need to start from a base. First, you must understand why you do not remember who you are. You are a guest on this planet, passing through. You are different from Gaia's Low.. You have missions in this time, but you constantly try to deny them because you are afraid of discovering too much. You don't remember, but you are here for a reason.

During your journey, you will come to understand why you do not remember Who You Are, why you are here, and whether forgetting everything was your choice or not. For now, I can only assure you that you are not here by chance. Continue reading the next articles, because you will find answers to your questions.

End of page 3 of 3. If you enjoyed the article, leave a comment below describing your feelings while reading or practicing of the proposed technique.

This document is the translation of the original article https://www.accademiadicoscienzadimensionale.com/archives/4635 on the Accademia di Coscienza Dimensionale website.

3278 comments
  • paolino - 17:38 23/02/24

    mi sento fortunato , perché dopo tanti anni di spinte verso un' unica direzione spirituale mi sono ribellato, istintivamente ho pensato che doveva essere qualcosa di molto più grande!

  • marcello-muratore - 16:35 23/02/24

    Nelle categorie descritte, come indicato per evitare dilungamenti, mancano quelli che cercano di convincerti. Chissà cosa li spinge a farlo: una buona intenzione od un sistema con il quale vogliono conformarsi. Per quanto mi riguarda penso che debba sempre ricercarsi un'esperienza della conoscenza

  • erianthe - 15:10 23/02/24

    Penso che la Spiritualità siamo talmente forte dentro di noi da farci sentire la via da percorrere... Poi tutto è da scoprire

  • deb - 06:52 22/02/24

    Rileggere questo articolo dopo mesi mi accentua ancora di più la visione delle persone che mi circondano perché sono veramente poche quelle spirituali. Ho iniziato a notare come la maggior parte si lascia trascinare dagli eventi o dalla massa senza assolutamente porsi domande di qualsiasi tipo, pensando davvero che sia tutto qui senza un minimo di margine di consapevolezza. Quando ho iniziato questo percorso, già da questo articolo, ho capito che non sono tutti come me. Partivo dal presupposto che tutti si facessero delle domande su se stessi, su quello che ci circonda, su oltre a questo pianeta ecc. e invece ho scoperto da subito che non è così anzi. È stato scioccante all inizio ma adesso che riesco a notare più cose con i miei occhi mi rendo conto di quanto sia vero, siamo circondati dai Gaia's Low più di quanto immaginassi. Grazie per queste rivelazioni🩵

  • ataccio - 21:59 20/02/24

    bellissima parte... quindi i gaia's low sarebbero non degli esseri reali? quasi tutti le persone che conosco dove lavoro e risiedo sono così... solo quando frequento dei corsi dal vivo di questo tipo incontro persone spirituali... per quanto riguarda la missione so di averla ma la mia conoscenza di ciò si limita a delle grandi linee e non nello specifico cosa fare. grazie

  • tozza - 15:16 17/02/24

    Personalmente, sono sempre stato interessato a questi argomenti fin dalla nascita, considerandoli ben più che semplice intrattenimento. Capisco chi sceglie di far finta di nulla e di chiudere la mente; per chi non è pronto, la verità può essere solamente fonte di sofferenza. Comunque, anche se si possiede una coscienza più evoluta, bisogna rispettare l'opinione di tutti, dato che c'è un fondo di verità in ogni credo. Inoltre, è necessario essere pazienti e cercare di sopportare anche chi disprezza la spiritualità, considerando che tutti, in un certo punto della loro vita, sono stati deboli e ignoranti della verità, proprio come loro.

  • Antonia - 09:22 16/02/24

    Quante emozioni mi ha dato l'ascolto di questo articolo. Ho individuato nella seconda tipologia di persone mio marito, che magari ascolta ciò che talvolta provo a condividere con lui, che mi "lascia credere in ciò che penso sia giusto per me", ma che non vuole assolutamente aderire a nulla di ciò che gli racconto. Ne ha paura. E ho riconosciuto nella prima tipologia mio figlio, 20 anni, che rifiuta violentemente e con disprezzo anche il minimo accenno alle questioni cosiddette spirituali. Io per lui sono una folle. E tutto questo si è acuito negli ultimi tre anni (perché nel 2020 anch'io ero ancora ipnotizzata anche se già dal 2012 mi ero attivamente avvicinata al mondo spirituale che mi aveva sempre chiamata). Mille cose mi sono passate per la testa mentre ascoltavo questo articolo. Intanto GRAZIE ancora...

  • miky79 - 18:33 15/02/24

    Una descrizione chiarissima sono una spirituale credo da sempre la fede l'andare oltre l'apertura alle infinite possibilità sono la mia stella polare sono sicura che andando avanti con il percorso tutto diventerà più chiaro e troveremo le risposte

  • harkhan - 10:42 15/02/24

    Ho riletto questo articolo per trovarmi preparato alla lezione di oggi. Non me lo ricordavo, e mi ha fatto ricordare che tanto tempo fa avevo iniziato a credere che Dio non esistesse, non perché non ci credessi, ma perché ho incontrato una persona che ho stimato molto per le sue conoscenze, e lui non seguiva Dio, non credeva in Dio, ma in Wakantanka. Capisco però che non ho mai abbandonato Dio, in quanto avevo scelto di seguire Wakantanka dei Nativi Americani. E per loro è Dio, come lo è anche Khrishna per gli Indiani. Come dice Angel, non hai bisogno del prete per parlare con Dio, e negli ultimi anni ho smesso di credere nella religione, ma non nella spiritualità che pensavo fosse la stessa cosa. Il prete è religioso, quindi spirituale, perciò devi andare in chiesa sennò fai peccato, eccetera. Una favola per i bambini che mi sono portato dietro anche nell'età adulta. Quasi mi sentivo colpevole di seguire Wakantanka, invece che Dio, e pensavo di tradire Dio... non avrai altro Dio al di fuori di me... Wkantanka è Dio, tutto è Dio, perciò anche se adori un pezzo di legno, in quanto nella tua cultura è Dio, quello è Dio. Ma la religione mi aveva presentato Dio come un essere umano, con le vesti celesti, eccetera. La religione chiude gli occhi delle persone, e io ero una di quelle. Leggendo le parole di Angel riguardo al fatto del perché sono qui, perché leggo le sue parole, e se ho sentito brividi o altro, sì, leggendo che anch'io, probabilmente la persona che è a più basso livello in questa accademia, sono spirituale, mi sono venute le lacrime agli occhi. Avevo pensato di non essere all'altezza degli altri, di essere un pesce fuor d'acqua per il fatto che non riesco a visualizzare, ho difficoltà continue a fare tutto, anche i più semplici esercizi, di non essere degno di stare con gli altri. Mi sono iscritto a questo sito subito dopo aver letto qualcosa, e non ci sono arrivato da solo, come ho già detto altre volte, un'amica mi ha inviato il link, e non ci ho fatto caso, dopo qualche giorno, ho rivisto il suo post, e sono arrivato qui, lei invece non c'è, ma questo non è importante. Sì, è vero, ho sentito un richiamo, volevo delle risposte, volevo capire di più, comprendere, ma non sapere tutto, anche perché è impossibile, ma almeno qualcosa, evolvermi un minimo prima di andarmene. Non so nemmeno perché ho scritto così tanto, non ha senso, ma l'ho fatto perciò non cancello questo commento. Mi sono ricordato che poco tempo fa un "amico" mi ha dato del demente e del pazzo, perché gli ho detto che credo in Dio e nella reincarnazione, e che con la morte non finisce tutto come pensa lui. Grazie!

  • sole15 - 16:32 12/02/24

    Credo che nulla accada per caso nella vita. Spesso quando mi accadevano cose "per caso", mi veniva da riflettere e desiderare di scoprire come potesse essere successo quell'evento, anche se agli occhi degli altri era normale. Sembravano cose da niente, ma io le ritenevo strane, piene di mistero e mi lasciavano quel bisogno impellente di colmare il vuoto. Questa Accademia l'ho trovata proprio per caso, e sapere che è merito della mia Coscienza mi riempie di orgoglio e mi fa sentire enormemente fortunata. Mi dispiace per i Gaia's Low, perché, oltre a non capire cosa si perdono, essendo la maggior parte, tendono a demotivare e isolare i veri e pochi spirituali allontanandoli dalla voglia di riflettere. Ma questa difficoltà dovrebbe diventare motivo di perseveranza, perché permette di connettersi all'Universo e sentirsi realmente vivi.

  • rosariam - 16:25 12/02/24

    Ho sempre creduto in un qualcosa di superiore, lontano dalle solite idee delle varie religioni, e forse è arrivato il momento di dare un nome a questa credenza.. è proprio vero, ad ignorare tutto sembra più semplice, il realtà è solo vuoto

  • Rositarose - 19:11 09/02/24

    Non ho avuto brividi o altro, ma sul mio viso è comparso un sorriso, finalmente ho udito la verità! Quella verità che ho sempre saputo esistere. Mi sono sempre sentita diversa, fuori dal gregge, fuori dagli schemi, ribelle...

  • Francesca67 - 10:44 09/02/24

    Leggere questo articolo mi ha commosso, non ho potuto trattenere le lacrime. Non sono il tipo di persona che piange o si commuove facilmente, durante l'adolescenza e dopo sono sempre stata una ribelle, mi consideravo anarchica, nichilista, atea e di certo non spirituale. Qualcosa però è profondamente cambiato dentro di me dopo i 25 anni...e dopo solo un paio d'anni non ho più potuto negare ciò che stava succedendo dentro di me. Qualcosa è scoccato, una scintilla di un fuoco "diverso" si è accesa e ha continuato a crescere in modo esponenziale, a tal punto che la mia sete di conoscenza è diventata la mia ragione di vita. Mi sono "chiusa" dentro la mia stanza, sommersa da pile e pile di libri, praticando tecniche spirituali che ritenevo interessanti, ho smesso di mangiare carne e derivati, ho smesso di mangiare....mi sono interessata al respirianesimo trasformando l'energia pranica in nutrimento per il corpo. Mi sono interessata al buddismo, alla cabala, all'induismo e in un attimo sono entrata in un vortice da cui non è più stato possibile uscire. Oggi mi sento diversa dagli altri, incompresa, ma nonostante ciò non ne ho sofferto...sento di non essere sola, sono riuscita a sentire un Amore talmente grande (senza saperne in realtà l'origine) che è stato abbastanza per darmi la certezza che c'è molto di più. Ho lasciato il mio lavoro, venduto il mio negozio, lasciato la mia casa e ho iniziato a viaggiare visitando luoghi antichi di spiritualità. Voglio ricordarmi chi sono, cosa sono venuta qui a fare e FARLO.

  • Eros - 18:31 08/02/24

    Sì, sono uno "spirituale", cioè uno che non si sente soddisfatto delle cose, seppur belle, di questo pianeta-dimensione. Mentre leggevo e ascoltavo la dolce voce femminile dire che siamo spirituali, ho percepito come un disagio interno per gli altri umani non spirituali, che si accontentano dei giochi di Maya. Allo stesso tempo, oltre a questa sensazione di voler essere di aiuto ad essi, ho percepito un anelito profondo e distaccato di proseguire il mio cammino...

  • clalondon - 16:31 06/02/24

    Sono sempre più curiosa di capire dove mi porterà questo percorso . Pronta ad iniziare , via!